Reno, Meno e Mosella

Da più di 200 anni il termine romanticismo viene associato indissolubilmente con il più tedesco dei fiumi, il Reno. Molti poeti, pittori e musicisti hanno reso nei modi più disparati il loro tributo a questo grande, intramontabile classico e la saga dei Nibelunghi o la leggenda di Loreley come pure alcune altre saghe cavalleresche hanno fatto del Reno un mito. La bellezza e la storia di questa vallata sono state riconosciute nel 2002 dall'UNESCO come patrimonio mondiale dell'umanità. Questa importante arteria del sistema fluviale europeo, che viene alimentata da numerosi affluenti, misura, dalla sorgente nelle Alpi Svizzere fino alla foce nel Mare del Nord ben 1320 km. I più incantevoli figli del Reno sono senza dubbio la Mosella ed il Meno. Entrambi ricchi di anse, offrono vedute su uno scenario di castelli superbi, vasti vigneti, pendii coperti da boschi lussureggianti, città storiche e graziose località, uniche nel loro genere.

RENO

Il fiume Reno è, con 1.232 km, uno dei fiumi più lunghi d'Europa. Il suo nome deriva da una radice celtica, ma ancor prima indoeuropea, che significa "scorrere". Assieme al Danubio formava la maggior parte del confine settentrionale dell'Impero romano ed è stato, fin da quei tempi, un vitale corso d'acqua navigabile, usato per il commercio ed il trasporto delle merci fin nel cuore del continente.
Svizzera: Sorge dalle alpi svizzere, e segna il confine tra Svizzera e Germania prima di svoltare a nord con delle Meandro anse (Rheinknie) presso Basilea.
Reno

Germania e Francia: Superata Basilea il Reno costituisce la parte meridionale del confine tra Germania e Francia scorrendo in una larga vallata prima di entrare interamente in territorio tedesco a Rheinstetten, vicino a Karlsruhe. L'ampia valle del Reno finisce alla confluenza con il Meno a Magonza. La parte fra Bingen e Coblenza, dove il Reno entra in una valle più stretta, è nota come Gola del Reno, una formazione creata dall'erosione e da un sollevamento tettonico. Questo tratto del fiume è noto per i castelli medievali e i vigneti che ricoprono le alture circostanti; nel 2002 è stato nominato Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.
Il fiume si allarga nuovamente a sud di Colonia. Anche se molte industrie si trovano lungo il Reno, sin dal suo corso svizzero, è in questo punto, la regione della Ruhr in cui attraversa Colonia, Düsseldorf e Duisburg che si concentrano la maggior parte di esse. A Duisburg si trova il più grande porto fluviale d'Europa.
Paesi Bassi: Il Reno a questo punto gira ad ovest nei Paesi Bassi, dove assieme alla Mosa forma un enorme delta. Oltrepassato il confine olandese, il Reno raggiunge la sua massima ampiezza, ma si divide poi in tre rami principali: il IJssel, il Waal e il Basso Reno. Da qui la situazione diventa più complicata, in quanto il nome "Reno" non coincide più con il corso principale. Gran parte dell'acqua del Reno scorre ancor più a ovest attraverso il Waal, il Nieuwe Waterweg e, unendosi alla Mosa, l'Hollands Diep e l'Haringvliet, fino a sfociare nel Mare del Nord.

MENO
Il Meno con una lunghezza di 524 km è il più grande affluente destro del Reno, al quale si congiunge presso Magonza; il suo corso di stende interamente in Germania, unico importante fiume tedesco a scorrere da est ad ovest.
Il nome è di epoca celtica (Moin o Mogin), i Romani nel I secolo lo latinizzarono in Moenus. L'etimologia del nome si riconduce alla parola acqua nelle lingue celtiche.
Nasce presso Kulmbach, in Baviera, dall'unione di due corsi d'acqua minori, il Meno bianco (Weißer Main), proveniente dalle alture del Fichtelgebirge e lungo 41 km, ed il Meno rosso (Roter Main), lungo 50 km e proveniente dal Giura francone.
Durante il suo corso il fiume attraversa i land di Baviera e Assia bagnando Francoforte e altre città
Il fiume, molto sinuoso, è navigabile per 396 km anche grazie a grandi opere come il Canale Reno-Meno-Danubio.
La valle del Meno è famosa per i suoi vini, che vengono imbottigliati in particolari bottiglie chiamate Bocksbeutel in tedesco.

MOSELLA
La Mosella è un fiume della Francia, del Lussemburgo e della Germania lungo 545 km.
Nasce dal massiccio dei Vosgi e si snoda lungo la Francia nordorientale attraversando Épinal, Charmes, lambisce Nancy, Metz, Guénange e Thionville. Dopodiché per un lungo tratto segna da confine tra la Germania e il Lussemburgo, per poi diventare un fiume esclusivamente tedesco nei pressi di Treviri. Infine a Coblenza si getta nel Reno.
La Mosella è in gran parte canalizzata e navigabile fino alla zona di Nancy, dove svolge il ruolo di importante via di trasporto anche per le industrie estrattive della zona.
La valle della Mosella è famosa inoltre per i suoi vini, con la regione Mosel-Saar-Ruwer.